Informativa Breve sui Cookies
Questo sito fa uso di cookie. Continuando la navigazione sul sito fiem.it si acconsente all’utilizzo di cookie in conformità con la presente Cookie Policy.
Se non si acconsente all’utilizzo dei cookie presenti in questo sito, occorre impostare il proprio browser in modo appropriato oppure non usare il sito fiem.it.
I cookie utilizzati nel ns. sito tengono solo traccia delle visite, nessun dato personale viene memorizzato.

  • 1top-banner-fiem-2017-offerte
  • 2top-banner-fiem-2017-offerte
  • 3top-banner-fiem-2017-offerte
  • 4top-banner-fiem-2017-offerte

Abbiamo 64 visitatori e nessun utente online

banner-facebook google plus-01 utube
 

SiteLock

Camere Climatiche



Nell’allevamento naturale delle varie specie animali , come spesso accade , si possono compiere degli errori, quindi può capitare (come è naturale) che ci siano casi di piccoli animali morti o addirittura uccisi dai genitori.

Le nostre camere climatiche di svezzamento e cura intensiva, appositamente studiate e progettate per lo svezzamento, l’allevamento e soprattutto per la cura intensiva di talune specie di volatili o di rettili che necessitano di particolari condizioni climatiche artificiali, rappresentano altresì una valida soluzione al problema citato.

Gli animali appena nati verranno lasciati in incubatrice o nell’unità di schiusa fin quando non si asciugheranno completamente. Quando i piccoli sono ben asciutti essi possono essere spostati in una delle strutture che F.I.E.M. ha appositamente studiato per l’allevamento e la cura intensiva.

A tale scopo potrà essere utilizzata una svezzatrice artificiale o camera calda che verrà mantenuta alla temperatura iniziale di circa 37 gradi centigradi. Gli allarmi previsti per i nostri modelli più accessoriati segnaleranno tempestivamente eventuali eccessivi abbassamenti o innalzamenti della temperatura.

Ricordiamo che il sovrariscaldamento uccide uova e animali più facilmente rispetto al sottoriscaldamento.

Ovviamente durante le varie fasi di crescita degli animali la temperatura dovrà variare a seconda della specie; il miglior modo  per regolarsi è sicuramente l'esperienza maturata dall'osservazione visiva del comportamento degli animali stessi.